Andare in pensione con “Rita”: di cosa si tratta?

Ecco in cosa consiste la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Recentemente, accanto all’Ape di Renzi, è emersa la proposta di una nuova possibilità per consentire ai lavoratori di andare in pensione qualche anno prima. Si tratta della cosiddetta Rita, che sta per Rendita Integrativa Temporanea Anticipata.

Questa soluzione si rivolge ai lavoratori con più di 63 anni di età che sono iscritti ad un fondo di previdenza complementare.

In particolare, coloro che sono in possesso di questi requisiti potranno scegliere di andare in pensione con un massimo di 3 anni di anticipo, ricorrendo appunto a questa rendita attingendo al proprio fondo pensionistico complementare in attesa di raggiungere i requisiti per l’ottenimento della pensione vera e propria.

andare-in-pensione-ritaLe penalizzazioni dell’assegno pensionistico verranno calcolate in base al reddito e, per coloro che hanno un reddito più basso, vanno dal 2% al 6%, con un aumento di due punti percentuali per ogni anno di anticipo (massimo 3 anni).
Le penalizzazioni per le pensioni più alte possono invece arrivare all’8% annuo, fino a raggiungere un taglio massimo del 24%.
In questo caso, le penalizzazioni non colpirebbero la pensione ordinaria, ma solo ed esclusivamente quella integrativa.

Tuttavia, si tratta di una soluzione flessibile, in quanto il lavoratore potrà anche scegliere di ricevere una parte di anticipo tramite il proprio fondo complementare integrativo e una parte dall’azienda ricorrendo al prestito pensionistico.
In questo secondo caso, quindi la penalizzazione colpirebbe sia la pensione ordinaria che quella integrativa, seppur in misura minore.
Questa soluzione potrebbe rivelarsi utile per ridurre l’impatto dell’Ape, ma occorrerà valutare attentamente le varie opzioni per trovare quella più conveniente in base alla propria situazione personale.

Si tratta di una buona notizia per chi dispone di un fondo di previdenza complementare, ma non si sa ancora se e quando questa proposta verrà approvata.

Posted in:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *