Pensioni per forze armate e militari: quali sono i requisiti?

Ecco come funzionano le pensioni per i dipendenti delle forze armate e i militari

 

I dipendenti delle forze armate e i militari, così come tutti i lavoratori impiegati nel settore della difesa, della sicurezza e del soccorso pubblico hanno diritto ad un trattamento privilegiato che consente loro di andare in pensione al sussistere di determinate condizioni speciali.

Rientrano in questa categoria tutti coloro che operano nel comparto della difesa e della sicurezza pubblica, tra cui:

  • Dipendenti dell’esercito, della marina e dell’aeronautica
  • Guardia di Finanza
  • Polizia penitenziaria
  • Polizia di Stato
  • Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
  • Guardia Forestale

pensioni-forze-armate-militariA tutte queste tipologie di lavoratori, data la natura della loro professione, viene quindi riservato un trattamento speciale, per cui possono andare in pensione prima rispetto al resto dei lavoratori pubblici, ma anche di quelli del settore privato.

In particolare, i requisiti affinché coloro che operano in questo settore possano accedere al trattamento previdenziale sono aver versato i contributi per 35 anni e aver compiuto almeno 57 anni e 7 mesi.
Tuttavia, tale limite di età è soggetto ad un adeguamento con l’aumento speranza di vita, cioè tenderà ad alzarsi nel corso degli anni futuri, in parallelo all’allungamento delle aspettative di vita.
Chiaramente, anche nel caso in cui non si abbia prestato servizio per almeno 35 anni, l’età della pensione si alzerà, in quanto è necessario maturare entrambi i requisiti.
In alternativa, si potrà anche scegliere di andare in pensione una volta maturati 40 anni e 7 mesi di contributi versati, a prescindere dall’età anagrafica.

Nonostante, a partire dal 2012 sia stato applicato il calcolo dell’assegno pensionistico esclusivamente con il metodo contributivo anche per queste categorie di lavoratori, i requisiti restano comunque molto vantaggiosi, in quanto permettono di raggiungere la pensione in anticipo.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *