Quali sono i requisiti per la pensione per i lavoratori usuranti?

Chi sono i lavoratori usuranti e quali vantaggi hanno?

 

I lavoratori usuranti sono tutti i dipendenti del settore pubblico e privato che svolgono o hanno svolto professioni molto faticose e pesanti, come ad esempio i lavoratori impiegati nei processi di produzione aziendali, nelle catene di montaggio e nelle miniere, o in mansioni pericolose, come quelle ad alto rischio di infortunio o quelle che implicano l’esposizione a sostanze tossiche.

Anche i turni notturni rientrano in questa categoria. In particolare, per essere considerati lavoratori usuranti occorre lavorare di notte tutto l’anno per almeno 3 ore comprese tra mezzanotte e le cinque del mattino, oppure per 6 ore consecutive e per almeno 64 giorni all’anno.

Infine, vengono considerati lavoratori usuranti anche i conducenti dei mezzi di trasporto pubblico.

requisiti-pensione-lavoratori-usurantiA fronte di un maggiore sforzo e di una tipologia di mansioni che richiedono forza fisica o ritmi di lavoro che con l’avanzare dell’età diventa sempre più difficile sostenere, a questa categoria di lavoratori viene concessa la possibilità di andare in pensione prima rispetto a chi svolge professioni ordinarie e meno pesanti come le classiche mansioni d’ufficio.

In particolare, i requisiti affinché un lavoratore usurante possa andare in pensione sono aver compiuto 61 anni e 7 mesi (la soglia si alza però fino a 63 anni e 7 mesi per i lavoratori notturni che hanno lavorato meno di 78 giorni all’anno, sempre mantenendo il limite minimo di 64 giorni) oppure aver pagato 35 anni di contributi.

Per coloro che matureranno questi requisiti entro la fine del 2017, sarà sufficiente aver svolto questo tipo di mansioni per 7 anni negli ultimi 10 anni di contribuzione.
Coloro che invece matureranno i requisiti a partire dal 2018 saranno invece soggetti ad ulteriori restrizioni per poter andare in pensione, in quanto dovranno aver svolto professioni usuranti per almeno la metà degli anni di contribuzione.

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *