Governo vs pensioniati: primo round!

E’ scontro acceso all’interno del governo guidato dal premier Matteo Renzi sulla possibilità di uscita anticipata dal lavoro per i dipendenti pubblici.

La prima reazione all’ipotesi di pensionamento anticipato avanzata dal ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia ha risposto per prima l’ex titolare del Lavoro Elsa Fornero che ha affermato: «Alla Madia suggerisco di essere abbastanza attenta, i dipendenti privati farebbero bene ad arrabbiarsi perché non possono essere sempre solo loro a pagare». La presa di posizione dell’ex ministro ha suscitato scalpore e qualche commento anche ironico, in quanto la riforma che dell’ex ministro Fornero porta il nome ha scontentato più di una categoria sociale dall’attuazione ad oggi.

Il dibattito è scaturito dall’intenzione espressa dal ministro Madia, che aveva affermato di voler studiare un piano per il pensionamento anticipato dei dipendenti pubblici. Le prime proteste non hanno tardato a prendere piede, con gli esodati in prima fila perché il governo risolva innanzitutto la loro situazione, ormai catalogabile come assurda. La richiesta al ministro Madia è che prima di considerare i prepensionamenti per i dipendenti della Pubblica Amministrazione si risolva il loro caso, ormai diventato annoso, con centinaia di persone sospese tra non-lavoro e attesa di una pensione, che stenta però a materializzarsi nonostante le promesse fatte fino ad ora.

Dalla parte degli esodati si è schierato il collega di partito Stefano Fassina, già ministro del precedente governo Letta, che ha definito prioritaria la risoluzione delle questione esodati, appoggiato anche da Gianni Cuperlo, che ha espresso lo stesso parere in seguito alla riunione del Partito Democratico tenutasi poche settimane fa.

L’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano si è detto subito contrario ad un provvedimento che privilegi i dipendenti statali, e non possiamo che sottoscrivere questa affermazione!

Se finalmente il governo Renzi si è deciso a parlare anche di pensioni e pensionati, attendiamo però che trovi almeno una posizione univoca al proprio interno.

Un primo passo, certo, ma aspettiamo il secondo round per ulteriori giudizi. Fight!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *