Pensioni: un tesoretto italiano nascosto in Svizzera

Sono moltissimi i lavoratori italiani che nel corso degli anni sono emigrati in Svizzera alla ricerca di un lavoro. Molti di questi hanno deciso di trascorrere nel paese elvetico anche gli anni della pensione, molti altri hanno invece fatto ritorno in Italia, dimenticando, talvolta, la pensione!

Sembrerebbe incredibile ma è quanto avviene ogni anno in Svizzera: secondo quanto comunicato dagli enti pensionistici del paese, sarebbero almeno 600.000 le persone che avrebbero diritto all’assegno di previdenza, ma hanno lasciato il paese e per questo motivo non risultano più reperibili.

Pensioni: un tesoretto italiano nascosto in Svizzera

La cifra è altissima: stiamo parlando complessivamente di cinque miliardi di franchi (più di quattro miliardi di euro). Tuttavia non si tratta semplicemente di disattenzione da parte di lavoratori; è possibile che molti di essi, inclusi gli italiani, non abbiano verificato il corretto passaggio dei fondi accumulati al passaggio ad un nuovo datore di lavoro, che in molti casi ha una cassa pensionistica diversa dal precedente. Il sistema insomma è piuttosto diverso da quello italiano e questi dati dimostrano che anche il sistema elvetico non è perfetto: sarebbe sufficiente informare meglio i lavoratori e coordinare il reperimento dei dati tra enti pensionistici, stato e datori di lavoro. Possiamo anche supporre che non siano stati fatti tutti gli sforzi necessari per reperire gli effettivi beneficiari, nemmeno nella vicina Italia, ma si tratta di una nostra ipotesi.

Se pensate che questa situazione possa riguardarvi direttamente, potete sempre rivolgervi all’LPP, la fondazione istituto collettore dei fondi non assegnati, che ha in deposito quanto non ritirato.

Se la Svizzera volesse però ovviare al problema delle pensioni non riscosse, abbiamo un’idea a riguardo: perché non far rientrare in Italia girandoli all’Inps i fondi non riscossi da un certo periodo di tempo (magari dieci o vent’anni?). Potrebbero rappresentare una risorsa importante per incrementare il livello drammatico delle nostre pensioni minime, sicuramente lontane anni luce dai trattamenti pensionistici al di là del confine.

Un commento

  1. Buongiorno
    Come posso sapere se mi spettano anche a me
    Visto che sono stato in svizzera negli anni 60 e 70 dei mesi
    Distinti saluti
    Antonio Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *