INPDAP: pubblicato il bando “Valore Vacanza”

Pubblicato sul sito Inpdapil bando di concorso Valore Vacanze, la tradizionale iniziativa che consente ai figli e agli orfani di dipendenti e pensionati iscritti all’istituto di potere partecipare a vacanze studio della durata di quindici giorni in tutta Europa a prezzi molto agevolati.
Sono stati infatti messi a disposizione 3000 posti per bambini nati tra il 2001 e il 2005, 8000 posti per quelli nati dal  98 al 2000: i piccoli saranno ospitati in strutture in Italia con l’obiettivo educativo e ludico di iniziarli alla pratica di sport, danza, musica, teatro, informatica ma anche all’educazione ambientale e all’attività manuale.
Previsti  anche tantissimi posti per i ragazzi: per la precisione 13000 per quelli nati nel 96 e nel 97,  11000 per i nati nel 94 e nel 95. Per loro saranno organizzati viaggi studio in Irlanda, Gran Bretagna, Francia, Germania e Spagna.
Quattro i turni organizzati quest’estate con date di partenza fissate dai tour operator. I prezzi richiesti ai partecipanti sono in funzione di quanto le famiglie dichiarano con modello Isee.
In sostanza si tratta di pagare una quota fissa di € 150 per viaggi in Italia e di € 350 per viaggi all’estero alla quale va aggiunta una quota variabile che può arrivare al massimo al 25% del prezzo di listino per le famiglie che dichiarano più di 40000 euro annui.
Insomma una bella occasione per regalare una utile e bellissima esperienza educativa ai propri figli anche se l’esito della domanda rimane legata alla graduatoria che in sostanza privilegia i bambini affetti da disabilità, gli orfani, i bambini che in famiglia hanno genitore o fratello con disabilità e quelli provenienti da famiglie numerose.
Fatti salvi i posti destinati alle categorie privilegiate quelli restanti sono distribuiti in base alla dichiarazione Isee privilegiando i redditi più bassi e penalizzando i richiedenti che in passato hanno già usufruito di “Valore vacanza”.
Il bando scade il sei aprile prossimo e tutte le domande devono pervenire telematicamente tramite procedure messe a disposizione sul sito dell’INPDAPnell’area appositamente dedicata.

Un commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *